Salute psichica e lavoro

Salute psichica e lavoro

All’interno delle organizzazioni, le cause di tensione mentale ed emotiva possono situarsi su differenti piani: la organizzazione del lavoro, la eventuale mancanza di risorse umane appropriate, le esigenze della clientela, il ritmo serrato dell’attività, le relazioni interpersonali, ecc. .

Ciò impone a tutti di aggiornare e riconoscere costantemente le proprie competenze ma anche i propri limiti; le persone sono chiamate ad affrontare positivamente le difficoltà che la vita pone loro di fronte, dare prova di sagacia e sviluppare un senso di responsabilità attiva (mi riguarda, ci riguarda … ).

Un eccessivo carico di fatica o di preoccupazioni, la incongruenza tra impegno e gratificazione, l’affievolirsi delle motivazioni, possono innescare alla lunga un disequilibrio a livello della salute psicologica di un individuo.

I che problemi legati all’organizzazione possono, a volte, colpire profondamente la salute mentale di una persona. In effetti, la maggior parte di noi passa più di un terzo del suo tempo al lavoro e le esigenze reali del lavoro diventano sempre più importanti. La qualità della nostra vita è direttamente proporzionale alla qualità del nostro lavoro. Pertanto: che le difficoltà provengano dall’ambiente in cui lavoriamo oppure dalle condizioni di lavoro o dal ruolo da noi svolto, esse possono avere lo stesso effetto nocivo su di noi.

E’ chiaro, allo stesso tempo, che taluni problemi di salute vissuti da chi lavora esulano dalle responsabilità aziendali.

Le aziende a loro volta stanno imparando a non trascurare che l’incremento della produttività e la qualità dei servizi si trova sempre più in relazione con il morale dei collaboratori e il benessere (nei termini di salute e sicurezza) nel luogo di lavoro, che allo stesso tempo influiscono sul livello del clima organizzativo.

Gli studi dimostrano che i collaboratori attivi in un contesto sano e privo di tensioni, danno alle aziende un netto vantaggio sulla concorrenza. Le aziende che investono sulla salute e il benessere dei loro collaboratori ne traggono un ritorno, per il fatto che favoriscono un lavoro di qualità, una più grande creatività e un miglior servizio alla clientela. Riducono il numero dei contenziosi legati alle malattie e alle lesioni e mantengono un basso tasso di assenteismo.

Riescono a far emergere i talenti migliori e conservare le persone più competenti.

Nella nostra metodologia operativa vengono attivati tre livelli di intervento per la gestione delle problematiche psicologiche legate al lavoro.

La prevenzione di primo livello tende a modificare o a eliminare i fattori di rischio presenti nell’organizzazione e suscettibili di nuocere alla salute psicologica di chi lavora. In questo caso si tratta di interventi volti innanzitutto a ridurre gli effetti incidenti sulla persona, come ad esempio le riunioni individuali o di equipe, la formazione, l’analisi delle posizioni e dei compiti, la valutazione delle competenze, i percorsi di carriera.

Si tratta perciò di azioni che permettono di adattare le circostanze o la situazione di lavoro alle persone. Con ciò possono essere eliminate o ristrutturate le fonti dei problemi, reintegrando le attività quotidiane di gestione e producendo di conseguenza effetti a lungo termine.

Con la prevenzione di secondo livello in ambito organizzativo, è possibile aiutare le persone ad apprendere abilità e modalità per riconoscere e gestire le loro reazioni nei confronti di situazioni che generano tensioni. E’ sottinteso che quando si parla di prevenzione secondaria, le persone vivono già dei problemi. In questo contesto gli interventi non influiscono direttamente sulla organizzazione; si tende a rendere consapevoli le persone dei fattori che possono nuocere alla loro salute psicologica, aiutandole a sviluppare efficaci strategie di adattamento. Per aiutare le persone a gestire meglio le situazioni a rischio,  si possono utilizzare varie tipologie di intervento in prevenzione secondaria. Ad esempio uno stage sulla gestione del tempo, una efficiente e chiara comnicazione interna, un corso di formazione sulla mediazione dei conflitti, oppure sulla gestione e soluzione di problemi, un programma per incoraggiare sane abitudini alimentari, ecc.

La prevenzione di terzo livello riguarda soprattutto il trattamento, la riabilitazione, il processo di reinserimento al lavoro e il sostegno delle persone che soffrono o che hanno sofferto problemi di salute psicologica al lavoro. L’argomento è pressoché disconosciuto in ambito nazionale ma tutti i paesi occidentali se ne stanno occupando con particolare sensibilità.

Info sull'autore

admin administrator

Per pubblicare un commento, devi accedere